Tag: persone

La favola dei Caldomorbidi

(versione rivisitata della favola originaria sui Caldomorbidi dal libro di Steiner, 1974).

Il paese dei Caldomorbidi

C’era una volta un paese, chissà dove e chissà quando, in cui tutti, ma proprio tutti, erano felici. Il segreto di questa felicità era una “cosa” chiamata Caldomorbido. Alla nascita infatti, ogni bambino riceveva un sacchetto, da cui ogni volta che voleva poteva tirare fuori un Caldomorbido. Poteva goderne o offrirlo a qualcun altro. I Caldomoribidi erano molto richiesti perché quando se ne riceveva uno si sentiva un meraviglioso tepore in tutto il corpo, un senso di benessere appagante. Coloro che non ne ricevevano con regolarità rischiavano di ammalarsi di una grave malattia che faceva inaridire l’organismo e portava persino alla morte. Essendocene in grande quantità le persone se li scambiavano di continuo e quando qualcuno ne sentiva il bisogno lo chiedeva senza remore.

Dicevamo che tutti erano felici, ma questo non è proprio vero… Infatti solo una strega, incattivita dalla felicità generale, trovava infatti piuttosto difficoltoso piazzare filtri e pozioni in mezzo a gente sempre felice e appagata, elaborò un piano malvagio e iniziò a  spargere la voce che se i Caldomorbidi avessero continuato ad essere offerti così generosamente sarebbero presto terminati. Una cappa opprimente di sospetto e inquietudine calò sul paese.

I Freddoruvidi

Col passare dei giorni le persone furono sempre meno disposte a donare Caldomorbidi agli altri, non se ne chiedevano più, ognuno si teneva stretto il suo sacchetto e le persone iniziarono ad essere tristi e sospettose. Molti quindi si ammalarono per carenza di calore e contatto e a nulla valsero i rimedi della strega, che seppure scocciata in precedenza dalla loro felicità non voleva comunque che la gente morisse… I morti non comprano filtri né pozioni.

Pensò quindi di iniziare a mettere in vendita i Freddoruvidi. Un sacchetto ad ognuno ed il gioco era fatto. I Freddoruvidi erano in grado di impedire che l’organismo si inaridisse, ma invece di offrire tepore e benessere donavano freddo e punture a chi li offriva e a chi li riceveva. Iniziarono quindi ad essere scambiati al posto dei Caldomorbidi e in breve tempo le vite tristi di quelle persone si allungarono e con esse le loro agonie e meschinità.

Il caso volle che a rovinare i piani della strega fosse una giovane donna che, capitata da quelle parti vi si stabilì ed iniziò, com’era sua abitudine e senza badare alle dicerie, a donare Caldomorbidi senza preoccuparsi di rimanere senza. Seguendo il suo esempio prima i bambini, poi i grandi, ricominciarono a scambiarsi Caldomorbidi, tornando così a sentirsi bene, amati e felici… tutti… tranne la strega… che esiliò in un luogo di cui nessuno chiese il nome.

Il terrorismo del “Blue Whale”

Gioco?

Si è detto e scritto tanto sull’argomento, sul “gioco”, ma anche io vorrei dire la mia.

Mi guarderò bene dal definirlo “gioco” perché alla base di un gioco c’è il divertimento reciproco, cosa che ovviamente in questo “attentato alle vite” di 157 ragazzi, è stato unilaterale. L’uomo che è stato arrestato, hanno detto fosse uno psicologo… Credo che qualsiasi “uomo” che abbia ideato questo scenario non sia degno di essere definito con un ruolo che dovrebbe rimandare al sostegno dell’altro… Ma soprattutto non è degno di essere definito “uomo”.

Le persone fragili, soprattutto se in fase pre-adolescenziale e adolescenziale, hanno una carente autostima, un forte bisogno di sentirsi riconosciuti e un forte bisogno di appartenere ad un gruppo… Hanno bisogno di sentirsi considerati, amati e gratificati.

A mio avviso questo era puro e semplice “terrorismo” infatti la condivisione dei filmati e delle foto che confermano le fragilità e le morti di questi ragazzi, li ha messi alla mercé di altri adolescenti fragili che ora, spaventati potrebbero credere che chiunque potrà riuscire ad influenzarli…

Dlin Dlin ragazzi ho un messaggio per voi…

  • Qualsiasi cosa succeda dentro o fuori di voi confrontatevi, con gli adulti o con i coetanei, ma parlatene, datevi la possibilità di capire le situazioni ascoltando anche il parere degli altri;
  • Valutate le alternative sempre, il mondo non è bianco o nero, ma ha una serie infinita di sfumature e colori… sperimentateli tutti, cercando di fare il vostro bene;
  • Proteggetevi dalle persone o dalle situazioni che vi fanno del male, a qualsiasi livello;
  • Circondatevi di persone simili a voi, ma anche di persone molto diverse, è soprattutto da questi confronti che si giunge alla crescita;
  • Se avete dei problemi che dipendono da voi e che voi potete risolvere, fatelo, uno per volta però… non affaticatevi;
  • Cercate di ricaricare le vostre energie facendo cose che vi rendano felici: ascoltare musica, leggere, fare passeggiate, mangiare qualcosa di buono, stare con le persone che vi vogliono bene, progettare la vostra vita sulla base di obiettivi raggiungibili;
  • Amate e permettete agli altri di amarvi e starvi accanto, l’amore in tutte le sue forme, arricchisce sempre;
  • Accettate di essere chi siete, con le vostre idee, i vostri pensieri, le vostre emozioni, voi siete unici e speciali, non credete a chi vi dice il contrario o a chi vi svaluta;
  • Il tempo passerà e ciò che provate oggi cambierà, non abbiate fretta, datevi il tempo di crescere;
  • Dite no alla violenza;
  • Sostenete il rispetto e la gentilezza;
  • Voi non siete solo il nostro domani, voi siete il futuro…

Buon cammino.

 

Il dono

Il mio dono quotidiano Il mio lavoro è stupendo, ma particolare quanto difficile. Le persone che sostengo, di cui mi prendo …

La mia prima volta come “Professionista”

Essere professionista o diventarlo? Come nasce e cresce un professionista? Molte volte, forse troppe i professionisti parlano …

Dalla perdita all’accettazione: come affrontare il lutto.

Attaccamento e perdita La vita ci da molto e ci toglie altrettanto e tutti noi, chi prima chi dopo, abbiamo purtroppo perso …