Di cosa mi occupo

 

 

Nella mia pratica clinica faccio riferimento al Codice Deontologico nazionale degli Psicologi (valido per Psicologi e Psicoterapeuti) e quando necessario mi avvalgo della consulenza di colleghi specialisti, in modo da escludere o verificare implicante di natura medica e/o psichiatrica.

Presso i miei studi offro:
percorsi di sostegno psicologico e percorsi di psicoterapia.
Entrambi volti, in base alle necessità dell’individuo, ma con modalità e scopi diversi, alla modificazione di pensieri, emozioni e/o atteggiamenti ormai vissuti come inadatti, basandomi su contratti che mirino alla risoluzione dei problemi, più superficiali o meno, di chi mi sta di fronte. E’ proprio il contratto a far sì che la terapia non sia infinita, ma abbia una durata stabilita dalla risoluzione verificabile del contratto stipulato e di cui terapeuta e paziente possono rendersi conto.

Effettuo quindi sedute a cadenza settimanale in setting individuale (per adulti o minorenni), di coppia (risoluzione delle conflittualità per l’apprendimento di modalità comunicative più funzionali o nell'ambito di un sostegno genitoriale) e terapie di gruppo (eterogeneo o omogeneo).
I miei interventi sono rivolti alle persone che vogliono analizzare, elaborare e affrontare le proprie fragilità o i propri sintomi imparando a conoscere parti in ombra di loro stessi, in modo da potersi accettare, apprezzare e relazionarsi finalmente con l'altro in una posizione <>.

Ad oggi mi occupo di:
• fasi evolutive e sviluppo affettivo dei minori;
• sostegno alla genitorialità;
• disturbi d’ansia e da stress;
• fobie e attacchi di panico;
• depressione;
• disturbi di personalità;
• valutazioni psicodiagnostiche;
• dipendenza da alcool e droghe;
• disturbi alimentari;
• dipendenze comportamentali (“new additino” comprendono: dipendenze affettive, dal sesso, da internet, da shopping compulsavo, da gioco d’azzardo, dal lavoro, dallo sport).

Comments

comments

La trasformazione delle nostre abituali carezze

Oggi volevo riflettere con voi sul significato e sull’importanza delle “carezze” che offriamo o riceviamo ogni giorno. …

La comunicazione al tempo dei social

Cosa succede quando ci mettiamo seduti dietro un pc o dietro lo schermo di un cellulare? E’ bene chiederselo visto che …

L’arte di separarsi senza perdersi: “Io non vorrei lasciarvi andare”.

Quante volte ci è capitato di “perdere” qualcuno? o di percepire un allontanamento come una reale perdita dell’altro? …