Nella stanza dello Psicologo

Un tempo si credeva che lo Psicologo fosse il "medico dei pazzi" tanto che la risposta "mica sono pazzo io!" era quella maggiormente sentita quando ad una persona cara si consigliava di andare a parlare con uno professionista del settore. Oggi i tempi sono cambiati e i frequentatori dei nostri studi non si sentono più una categoria "debole" bensì nella fragilità del momento loro si riconoscono attori e non spettatori di una vita che vogliono imparare ad affrontare e gestire nel miglior modo possibile, avendo finalmente la possibilità di affrontare le loro ombre. Chi cerca uno Psicologo riconosce sicuramente in se stesso atteggiamenti che vorrebbe modificare, ma è proprio questa spinta all'evoluzione di se stesso che rappresenta il cardine attraverso il quale il paziente mostra di volere, potere e dover voltare pagina.

Read more

 

 

Next

Testimonianze

Previous

La vicinanza al tempo del Covid-19

Da un giorno all’altro ci sono stati tolti il contatto, poi la vicinanza e siamo stati ristretti nella solitudine delle …

Il dono

Il mio dono quotidiano Il mio lavoro è stupendo, ma particolare quanto difficile. Le persone che sostengo, di cui mi prendo …

La mia prima volta come “Professionista”

Essere professionista o diventarlo? Come nasce e cresce un professionista? Molte volte, forse troppe i professionisti parlano …